Abbigliamento da trekking per qualsiasi tempo:

perfettamente equipaggiati per la meteo autunnale

L’autunno è la stagione ideale per le escursioni! Ma la meteo autunnale ha le sue insidie: nel corso della giornata e tra zone soleggiate e d’ombra la temperatura può variare notevolmente – e forse in altitudine è già scesa la prima neve. Eccovi alcuni consigli per il vostro equipaggiamento da trekking.

Una donna cammina con il bel tempo
Foto: Getty Images

Vestirsi a strati per escursioni perfette

In montagna le escursioni termiche sono molto pronunciate, soprattutto in autunno. La soluzione è un abbigliamento da trekking composto da tre strati: 

1. A contatto con la pelle: biancheria funzionale

Indossate un primo strato di biancheria intima funzionale in lana merino o fibre sintetiche. Questo strato regolatore dell’umidità mantiene la pelle asciutta e calda perché il sudore viene trasportato all’esterno. Evitate il cotone!

2. Strato intermedio isolante

Lo strato intermedio isolante mantiene il calore e dipende dalla temperatura esterna. Le possibilità spaziano dalla maglietta leggera al pile, fino alla giacca isolante. I materiali più adatti sono il pile, il softshell, la lana e il piumino. Questo strato non deve essere necessariamente antivento o impermeabile.

3. Strato esterno antivento e impermeabile

Come strato esterno indossate una giacca impermeabile e antivento, a seconda della temperatura con o senza imbottitura. La giacca dovrebbe sempre essere traspirante.

Una donna cammina con uno zaino rosso
Foto: Getty Images

La giacca da trekking ideale

La giacca da trekking protegge da vento, freddo, neve e pioggia. Allo stesso tempo deve essere traspirante, visto che camminando si può sudare facilmente. Assicuratevi che il materiale superiore sia isolato internamente con una membrana impermeabile. 

Se fate solamente escursioni di una giornata con un sacco leggero, è sufficiente una giacca a vento leggera con una cosiddetta struttura a due strati: il materiale superiore è unito alla membrana, mentre il rivestimento interno è solamente «agganciato». L’alternativa è una struttura a tre strati dove anche il rivestimento interno è saldato agli altri strati. 

Se sudate facilmente o vi avventurate in trekking più impegnativi, vi raccomandiamo aperture di ventilazione come polsini e colletti regolabili e cerniere sotto le ascelle. Questi devono però essere protetti per evitare penetrazioni di umidità. 

Per gli sbalzi di temperatura in primavera e in autunno esistono anche giacche da trekking con maniche e/o fodera staccabili.

Una donna con una giacca da trekking blu e arancione.
Foto: Getty Images

Impermeabilizzare correttamente gli scarponi

Vi consigliamo di impermeabilizzare gli scarponi da trekking ogni cinque-otto escursioni – o al più tardi quando il cuoio risulta secco al tatto. Magari in altitudine c’è già la prima neve o potreste essere sorpresi da un temporale! 

Prima di procedere all’impermeabilizzazione, rimuovete i lacci e il sottopiede e pulite gli scarponi con una spazzola o un panno per calzature. 

Il tipo di impermeabilizzante dipende dal materiale con cui sono confezionate le calzature. Leggete attentamente le istruzioni per l’uso del prodotto. 

Per pelle scamosciata e fibre sintetiche: impregnante spray

Impermeabilizzate in un luogo ben ventilato, idealmente all’aperto. Stendete con un panno l’impregnante in eccesso. 

Per pelle liscia: cera per scarpe

Stendete la cera con un panno o una spugna strofinandola sulla tomaia, preferibilmente quando gli scarponi sono ancora umidi. Non usate troppa cera per evitare di ostruire i pori. Lasciate agire la cera per almeno 24 ore.

Scarpe da trekking rosse
Foto: Getty Images

Cosa infilare nello zaino

Prima di ogni escursione controllate le previsioni meteo. Preparate il sacco di conseguenza e scegliete l’abbigliamento da trekking più appropriato. Non dimenticate, però, che in montagna il tempo può cambiare rapidamente e che non sono rare le escursioni termiche anche notevoli. Per non essere colti impreparati in nessuna situazione, portate sempre con voi: 

· contro precipitazioni inaspettate:
giacca antipioggia, copertina antipioggia per lo zaino

· contro un calo inatteso delle temperature:
bandana o cappello fini, guanti fini

· protezione dal sole:
cappellino, occhiali da sole e crema solare

· coltellino svizzero

· spray antizanzare

· lacci per scarpe, calze e maglietta di ricambio

· kit di pronto soccorso per piccole ferite

· fazzoletti di carta

· almeno 1 litro d’acqua a persona

 

Avete già calzature e pantaloni da trekking adeguati? Qui trovate altri consigli per un equipaggiamento da trekking perfetto.

Una foto con giorno e notte
Foto: Getty Images
Cos’è una membrana traspirante?

Una membrana traspirante è uno speciale film plastico che viene incorporato in giacche da trekking, scarpe da trekking e scarpe sportive per renderle impermeabili e antivento. Esistono membrane microporose con pori molto piccoli o membrane prive di pori: in entrambi i casi l’acqua non può penetrare dall’esterno, ma le molecole di vapore acqueo (sudore) – che sono molto più piccole – possono fuoriuscire all’esterno.

Qui trovate idee ispiratrici per meravigliose escursioni autunnali.

Anche questo potrebbe interessarvi

Olio, spazzola e siero da barba:

Come prendersi cura della propria barba nel modo giusto per renderla irresistibile

L’olio, la spazzola e il balsamo non sono cose da vanesi. Prendersi cura della propria barba fa la differenza tra una barba morbida e profumata rispetto a una che indica semplicemente la pigrizia di chi la porta.

Organizzare il bagno in modo funzionale

Consigli per riordinare il bagno

Generalmente i bagni non sono ampi, ma c’è sempre molto da sistemare. Dalla lozione dopo sole alla crema idratante e allo spazzolino – con i nostri consigli creerete spazio aggiuntivo e troverete il posto giusto per tutto.