La millenaria arte cinese dell’energia

A colloquio con una consulente di feng shui

Il feng shui non si vede ma lo si percepisce. Perché se in un appartamento l’energia fluisce in modo ottimale grazie all’arredamento feng shui, ci si sente semplicemente bene. Cornelia Dudler è consulente feng shui diplomata e ci parla dell’arte cinese dell’energia.

Camera arredata secondo il Feng Shui
Foto: Getty Images

Cornelia Dudler è feng shui master consultant dipl. e consulente abitativa. Gestisce un negozio con accessori d’arredo, mobili e oggetti regalo a Erlenbach ZH e offre consulenze feng shui. www.wohnform-fengshui.ch

Cornelia Dudler
Foto: Getty Images

Signora Dudler, qual è l’origine del feng shui?

Il feng shui è una millenaria arte cinese dell’energia. Letteralmente significa «vento e acqua»: il vento distribuisce l’energia, l’acqua la raccoglie. Questo concetto contiene già il simbolo di yin e yang.

I cinesi parlano di tre doni: la felicità celeste, la felicità umana e la felicità terrena. La felicità celeste è la capacità e le qualità che riceviamo quando nasciamo; la felicità umana è ciò che ne facciamo noi stessi; e infine possiamo influenzare la felicità terrena con il feng shui.

 

Qual è il concetto fondamentale del feng shui?

Molto importante è il Qi, l'energia vitale. Questa energia è presente ovunque e si muove in modo fluido, ma in certi punti si blocca o scorre troppo velocemente. Con il Feng Shui possiamo guidare il Qi in modo che possa scorrere senza ostacoli ovunque e sia disponibile in quantità sufficiente.

 

E come funziona l’incanalamento del Qi?

Il Qi viene sempre dall'esterno, per cui bisogna fare in modo che possa entrare nelle stanze senza ostacoli. Ad esempio, se c'è disordine davanti o dietro la porta, il Qi si bloccherà già all'ingresso.

È importante che tutto l’arredamento non rallenti od ostruisca il flusso di energia. Ad esempio le strutture nella stanza non dovrebbero essere troppo tortuose. È anche possibile lavorare con i cinque elementi e bilanciare o rafforzare l'energia attraverso di essi.

 

Quali sono questi cinque elementi?

Nell’arredamento feng shui lavoriamo con gli elementi legno, fuoco, terra, metallo e acqua. Tutto ciò che ci serve per abitare, i mobili, le tende e gli accessori, possiamo classificarli in base a un elemento. Anche i colori e le forme possono essere classificati in base a un elemento. Così possiamo usare gli elementi dell’arredamento come «punti di agopuntura», esattamente come si fa solitamente sul corpo con gli aghi di agopuntura.

Non occorre disporre in ogni ambiente di tutti gli elementi nella stessa quantità. Magari in un posto occorre più fuoco e in un altro più acqua. Ciò che serve dipende dalla costellazione dell’appartamento o della casa. Ad esempio un appartamento in cui c’è molto legno è prevalentemente di tipo terra e la terra è relativamente pesante. In tal caso occorre più leggerezza nell’arredamento. È anche possibile ponderare gli elementi armonizzandoli in base a chi ci abita, calcolando il loro oroscopo e determinando il loro elemento personale.

 

E cos’è il bagua?

Potete immaginare il bagua come una torta con otto fette e al centro il tai chi. Il bagua si appoggia sul piano dell’appartamento. Con la bussola si orienta con precisione la casa o l’appartamento e si posiziona il bagua di conseguenza. Le otto zone del bagua corrispondono a determinati temi. Il nord ad esempio è la via, la carriera, a nord-ovest ci sono gli amici e il capo, a ovest i bambini e i progetti e così via.

Se vedo che nell’appartamento l’energia è bloccata in un settore, posso bilanciarla con l’arredamento, per cui attraverso il feng shui posso favorire un tema nella vita. Ad esempio in molti appartamenti a sud-ovest, che corrisponde al settore della convivenza e delle relazioni in generale, si trova l’angolo relax del giardino. Ne risulta una zona di disturbo percepibile da chi vi abita. Con le misure di feng shui posso sostenere in modo mirato questo ambito allo scopo di migliorare l’energia.

Al centro del bagua c’è il tai chi, il sé o la fiducia primordiale, che è legato a tutti gli aspetti, ossia a tutto l'appartamento e a chi ci vive. Il centro dell'appartamento è spesso vuoto e questo è un bene, perché in questo modo l'energia può fluire liberamente.

 

Quindi questi sono i tre concetti del feng shui: il flusso di energia, i cinque elementi e il bagua?

Questi sono tre elementi importanti. Tuttavia, il feng shui contiene molti concetti e pensieri, è molto complesso e molti livelli fluiscono l'uno nell'altro. Ad esempio la casa stessa possiede una sorta di oroscopo che dipende da quando è stata costruita. Anche questo influisce sull’energia nella casa. Chi desidera quindi arredare la propria abitazione in modo ottimale in base al feng shui dovrebbe richiedere una consulenza abitativa feng shui.

 

Come funziona una consulenza feng shui?

Innanzitutto osservo lo stato attuale di un appartamento. Misuro l’orientamento dell'oggetto con la bussola, appoggio il bagua sul piano e faccio un'analisi. In questo modo posso determinare dove un appartamento ha bisogno di maggiore energia, dove il Qi è bloccato o dove può essere attivata un'energia particolarmente buona. L'obiettivo è quello di ottenere una buona energia ovunque e anche un'energia particolarmente buona in certi luoghi.

La visita successiva discuto con il cliente le mie valutazioni e guardiamo sul posto come si possono realizzare i cambiamenti. Di regola ci pensa poi il cliente ad attuare le modifiche.

 

Quali potrebbero essere i cambiamenti?

Molte persone credono che non possono modificare granché del loro appartamento, ma questo non è necessario. Nella maggior parte dei casi non occorre nemmeno spostare i mobili. Arredare secondo il feng shui è come stimolare dei «punti di agopuntura», solo che anziché sul corpo lo si fa nell’appartamento. E questo è sufficiente se si modificano in modo mirato piccole cose che hanno un effetto preciso.

Ad esempio per sostenere una zona potrebbe rendersi necessario l’elemento metallo. Si cerca un simile elemento e lo si posiziona nel luogo adatto. Magari il cliente possiede una statua in metallo o un candelabro oppure si applica l’elemento con l’aiuto del colore.

 

Quindi non occorrono degli specifici «oggetti feng shui»?

No, per nulla. Decidete voi stessi quali elementi decorativi vi garbano. Si può realizzare il feng shui con qualsiasi stile di arredamento e dall’estetica dell’appartamento non si nota che è arredato in base al feng shui.

 

Quindi il feng shui non si vede ma si sente?

Negli appartamenti dove l'energia fluisce in modo ottimale ci si sente semplicemente bene, a proprio agio. Con il feng shui ad esempio è possibile allestire la propria postazione di lavoro per poter lavorare bene e concentrati. In questi luoghi si percepisce il sostegno del feng shui.

Personalmente ho avuto un’esperienza molto convincente prima della mia formazione feng shui: avevo difficoltà a dormire, ho quindi sistemato alcune cose nel mio appartamento secondo il feng shui e il mio sonno è migliorato molto.

 

Per concludere, una domanda personale: la consulenza feng shui è una professione poco comune. Come ci è arrivata?

Quando i miei figli erano già grandicelli, desideravo apprendere qualcosa di nuovo. Di professione sono legatrice di libri e gestivo un atelier. Mi informai a fondo su ciò che poteva essere adatto a me e in seguito contattai l’orientamento professionale. Fu la mia orientatrice ad avvicinarmi al feng shui. Allora non lo conoscevo per nulla ed ero molto scettica perché sono una persona con i piedi per terra. Iniziai con alcuni corsi durante il fine settimana e ne fui subito affascinata. Ho quindi portato a termine tutta la formazione di consulente feng shui e in seguito ho assolto anche una formazione di due anni quale consulente abitativa.

Camera da letto
Foto: Getty Images

Leggete qui se volete mettere in pratica l’arredamento feng shui a casa vostra.

Anche questo podrebbe interessarvi

Bevande per la colazione o il brunch

Dai caffè speciali alla ricetta del chai latte

Un brunch o una colazione a casa con gli amici o in famiglia è l’inizio perfetto della giornata nei fine settimana invernali. Vi diamo qualche idea per gustose bevande – dai succhi di frutta ai caffè speciali sino alla ricetta del chai latte.

«L’omeopatia dà al corpo le istruzioni per l’auto-guarigione»

A colloquio con l’omeopata Karin Reinhart

L’omeopatia aiuta il corpo a rigenerarsi. I risultati sono sorprendenti – anche se nessun principio attivo può essere rilevato nei rimedi omeopatici altamente potenziati. L’omeopata Karin Reinhart spiega come sono prodotti i globuli e i loro effetti.