Come agiscono i raggi solari sulla nostra pelle?

Intervista con il dermatologo Martin Kägi

Chiunque vi sia già passato sa molto bene quanto siano dolorose le scottature solari. Ma cosa accade quando i raggi solari colpiscono la pelle? E perché i raggi UV possono causare il cancro alla pelle? Protezioni solari e danni da sole sono i temi dell’intervista con il dermatologo Martin Kägi.

Famiglia sulla spiaggia

Dottor Kägi, può spiegarci cosa accade quando i raggi solari raggiungono l’epidermide?

I raggi solari comprendono un ampio spettro di raggi visibili e invisibili, fra cui i raggi ultravioletti. Penetrando nella pelle i raggi UV danneggiano le cellule epiteliali. Possono ustionarle a tal punto da determinarne la morte. La cute si assottiglia e si infiamma: ed ecco apparire la scottatura solare.

Ma la pelle si riprende piuttosto velocemente da una scottatura, vero?

Anche se la cute è in grado di riparare una scottatura solare, rimangono dei danni a livello di patrimonio genetico delle cellule epiteliali. Infatti, non ci sono soltanto cellule completamente bruciate, ma anche cellule «solo» danneggiate, più precisamente a livello delle informazioni genetiche, che sono racchiuse nel DNA. Poiché le cellule della cute si riproducono in continuazione, le nuove cellule ereditano i danni al DNA. Ecco perché si dice che la pelle non dimentica! I danni al DNA della cute possono causare melanomi.

Anche le pelli abbronzate subiscono dei danni?

L’abbronzatura è un meccanismo di difesa con il quale la pelle cerca di proteggersi dai raggi UV. In caso di sovraesposizione alla luce solare, le cellule cutanee sintetizzano un pigmento, la melanina, che percepiamo come colorazione bruna della pelle. Un altro meccanismo di protezione consiste in un ispessimento della cute.

Se si sta spesso al sole, la pelle si abitua e si protegge da sé, evitando in tal modo che ci si ustioni. Ma anche nel tempo di autoprotezione della pelle subentrano danni al DNA causati dall’esposizione ai raggi solari; nessun meccanismo di protezione può impedirlo. Ecco perché è estremamente importante proteggersi sempre dal sole, anche se si è abbronzati.

Sembra molto inquietante… Ma il sole ha anche effetti positivi?

Certamente. Il sole ha anche effetti positivi sull’essere umano. Molte persone ne apprezzano l’effetto tonificante e stimolante. Inoltre, la maggior parte della vitamina D (indispensabile fra le altre cose per una crescita ossea sana), è prodotta dalla pelle sotto l’effetto dell’irraggiamento solare.

Allora fa bene trascorrere la pausa pranzo al sole?

È tutta una questione di misura: con l’odierna dieta bilanciata, bastano circa 20 minuti di luce diurna per stimolare la produzione di vitamina D nella pelle. Non c’è bisogno di sostare sotto il sole diretto: è sufficiente fare una passeggiata all’aria aperta quando c’è luce.

Per quanto riguarda la pausa pranzo, consiglio di applicare sempre una crema solare. La protezione solare è sempre necessaria se si sta al sole per più di qualche minuto. Esistono creme da giorno con fattore di protezione 30. Questi prodotti combinati possono essere applicati al mattino e sono sufficienti per un uso quotidiano.

La crema solare mi protegge tutto il giorno anche se trascorro la giornata in piscina?

La crema solare protegge dal sole per circa due ore, dopo di che sarebbe opportuno rinnovare l’applicazione. Con ogni bagno l’effetto protettivo si dimezza. L’acqua dilava in parte anche le creme indicate come resistenti all’acqua. Raccomando perciò di applicarle nuovamente dopo ogni bagno.

E cosa si può fare in caso di scottatura?

Se la scottatura solare è solo lieve e indolore, in genere è sufficiente applicare una crema idratante. Se la scottatura è più profonda e dolorosa, sarebbe meglio consultare un medico, che saprà determinare il grado di ustione (1, 2 o 3, con o senza vesciche). Il medico sceglierà la terapia di conseguenza.

Il dottor Martin Kägi è titolare e medico in capo presso l’HautZentrum di Zurigo. Dal 1996 è medico specialista (FMH) in dermatologia, immunologia e allergologia.

Scoprite qui come proteggere dal sole i bambini e cosa fare in caso di scottatura solare.

Anche questo potrebbe interessarvi

Le delicate proprietà delle erbe

Rilassarsi con un tè

Raffreddore e gola infiammata in inverno? Servirebbe un toccasana. In realtà uno ce n’è: per combattere i sintomi da raffreddamento esistono le erbe. Che le piante officinali abbiano poteri curativi è in parte risaputo già da secoli, ma i loro principi attivi sono stati dimostrati scientificamente solo oggi.

Tutti al sole!

Tutto quello che dovreste

Non c’è quasi nulla che sia altrettanto piacevole del sentire il calore del sole sulla pelle nuda. Sia che si decida intenzionalmente di prendere il sole o semplicemente si stia trascorrendo all’aperto la pausa pranzo, la regola da seguire è questa: va bene stare al sole, ma con la giusta protezione!