Gambi e foglie: tutto in pentola

Ricette super gustose per utilizzare i resti!

Cucinare tutte le parti della verdura, dalle foglie alle radici, e dell’animale, dal naso alla coda: le nostre ricette vi propongono nuove idee per cucinare senza sprechi, ma con tanto gusto e un occhio di riguardo al portafoglio.

Foto: Getty Images

Una tradizionale ricetta «Nose To Tail»: il pollo in fricassea

Brodo di pollo

Lavare il pollo internamente ed esternamente con acqua fredda. Portare ad ebollizione una pentola capiente con l’acqua salata e tutti gli altri ingredienti, immergere il pollo (deve essere completamente immerso nell’acqua). Far sobbollire per circa due ore. Se si riesce a pungere leggermente la coscia, la carne è cotta. Togliere il pollo dal brodo, filtrare il brodo con un panno. Fino a 600 ml di brodo si possono servire come zuppa, ad esempio con gnocchetti di formaggio.

Pollo in fricassea

  • 1 pollo da lessare
  • ca. 2 l di acqua salata
  • 2 manciate di bucce di carote, gambi di sedano, radici di porro, gambi di prezzemolo ecc. mondati e lavati
  • 1 cipolla tagliata a metà con la sua buccia
  • 1 foglia di alloro
  • 1 pezzetto di zenzero delle dimensioni di un pollice
  • 3 grani di pepe
  • 1 pollo bollito
  • 50 g di burro
  • 50 g di farina
  • Ca. 600 ml di brodo di pollo
  • Sale
  • Pepe
  • 1 cucchiaio di salsa Worcester
  • 1 cucchiaio di vino bianco
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 6 cucchiai di panna

Togliere la pelle al pollo. Salarla, farla arrostire sulla griglia del forno a 230 °C per ca. 10 minuti finché è croccante e servirla come aperitivo insieme a dei pezzetti di pane. Mettere in una padella burro e farina, mescolare e aggiungere mano a mano il brodo di pollo. Cuocere per 12 minuti sempre mescolando. Aggiungere gli altri ingredienti, se necessario regolare di sale e pepe. Servire con riso o patate lesse.

Foto: Getty Images

Una tradizionale ricetta «Leaf to Root»: verdure essiccate per il brodo

Per ca. 500 g di polvere

Naturalmente si possono utilizzare anche verdure diverse, per esempio i ciuffi delle carote, i gambi del cavolo, le foglie di ravanello o in generale le bucce della verdura. Lavare tutti gli ingredienti, tranne il sale, e asciugare bene. Ridurre in polvere in un robot da cucina e stendere su una teglia rivestita di carta da forno. Asciugare nel forno a convezione a 80 °C per circa 8 ore. Mettere il manico di un cucchiaio di legno nella porta del forno in modo che l’umidità possa fuoriuscire. Dopo l’essicazione, tritare nuovamente il composto e riempire i vasetti a chiusura ermetica.

Pesto vegano di ciuffi di carote

Ingredienti

  • 600 g di bucce di cipolle
  • 150 g di gambi di prezzemolo
  • 150 g di bucce di carote
  • 300 g di bucce di sedano rapa
  • 300 g di gambi e pelle dei pomodori
  • 200 g di sale
  • 300 g di ciuffi di carote
  • 1 spicchio di aglio
  • 7 cucchiaio di pinoli tostati in padella
  • 300 ml di olio d’oliva
  • 1 cucchiaino di sale

Lavare i ciuffi delle carote e asciugarli bene con la carta da cucina. Staccare le foglie dai gambi (che renderebbero il pesto troppo amaro) e tritarle grossolanamente. Aggiungere aglio, pinoli, olio d’oliva, sale e farne una purea omogenea con il mixer a immersione. Le foglie delle carote si possono sostituire con foglie di ravanello, di barbabietola o di rapa oppure si possono mescolare tutte queste parti insieme per farne un mix unico.

Anche questo potrebbe interessarvi

Lo spreco di cibo ancora protagonista

Dal naso alla coda e dalla foglia alla radice

Riutilizzare i resti e fermare lo spreco alimentare. Con ricette a base di carote appassite e gambi di broccoli si possono preparare ricette fantastiche. In cucina si sta affermando il trend gastronomico «From Nose to Tail» e «From Leaf to Root».

Lotta contro lo spreco di cibo

Non gettarmi via – Il cibo non è destinato alla spazzatura

Ogni anno buttiamo via quantità gigantesche di cibo ancora commestibile. In realtà ne potremmo fare un uso decisamente migliore. Vi presentiamo alcune iniziative che si sono poste l’obiettivo di ridurre lo spreco alimentare.